Vincere grazie alla Qualità!

0

Vincere grazie alla Qualità! L’EOQEuropean Organization for Quality ha definito come “settimana europea della Qualità” per il 2014 quella compresa tra il 10 ed il 16 novembre all’insegna dello slogan: «vincere grazie alla Qualità»; in inglese: «winning through Quality». Questa è la ventesima edizione di un appuntamento che si ripete puntualmente dal 1995 e che consente al movimento europeo dei professionisti e simpatizzanti della Qualità di promuovere coralmente la cultura, le metodologie, le tecniche e le migliori pratiche nel campo della “Qualità e dei sistemi di gestione”. All’interno del mese di novembre – durante la Settimana della Qualità – il secondo giovedì del mese è stato individuato come “giornata mondiale della Qualità”. Noi del sistema federato nazionale di AICQ apparteniamo, comunque, a quella nutritissima schiera di professionisti ed organizzazioni che, sin dal 1955, con entusiasmo, competenza e spirito quasi missionario dedicano tempo ed energie (in modo quasi romantico) alla diffusione della cultura per la Qualità ed alla promozione del corretto sviluppo dei sistemi di gestione nelle più svariate tipologie di organizzazioni.
il Direttore Sergio BiniMeritano spazio anche le parole di Michel Deleforge [che chiudono il capitolo nell’opera di J. M. Juran, La qualità nella storia,
Ciascuno di noi è, infatti, prima di tutto un appassionato studioso innamorato della Qualità, che la vive quotidianamente in ogni scelta ed in ogni azione. In realtà, noi di AICQ dedichiamo alla diffusione della cultura della Qualità e dei sistemi di gestione tutti i 365 giorni dell’anno; in questo periodo cerchiamo solo di accrescere la densità delle manifestazioni per dare maggiore evidenza all’appuntamento. Dico spesso che la nostra annuale “settimana della Qualità” si estende elasticamente in modo tale da coprire un intero semestre (1° ottobre-31 marzo). Personalmente sono più di trent’anni anni che mi interesso di Qualità; ho iniziato a mettere in pratica concretamente le teorie e le tecniche apprese quando dirigevo un grande stabilimento di meccanica ferroviaria a Pontassieve; è stata l’occasione per sperimentare insieme ad alcuni motivati collaboratori le “novità” che giungevano dal Giappone e dagli USA. Ricordo con nostalgia quella particolare stagione della storia industriale del nostro Paese; nel mio “opificio” vivevamo una stagione quasi olivettiana: sostituzione della “catena di montaggio” con le “isole di lavorazione”; il just in time; i circoli della qualità; il miglioramento continuo; l’innovazione diffusa; l’introduzione delle macchine a controllo numerico; e così via. Ricordo anche che proprio 30 anni fa (il 4 ottobre 1984) con i colleghi leggemmo affascinati il coraggioso proclama del presidente degli Stati Uniti d’America Ronald Reagan che assegnava un esemplare “commitment” a tutti gli operatori della Qualità. Da noi, invece, continuiamo a lavorare silenziosamente nella vigna della Qualità e ad andare avanti caparbiamente, operando spesso in “auto-committenza”. In linea con questa tradizione nostrana, l’elzeviro di apertura del numero è volutamente dedicato alla rappresentazione della vision di uno dei più rappresentativi imprenditori italiani: Brunello Cucinelli; è stata ricostruita la sua filosofia gestionale che enfatizza “le dimensioni valoriali di una impresa umanistica competitiva”. Seguono, quindi, gli articoli che sono stati segmentati tematicamente in tre aree: eccellenza & eccellenze; trasporti & mobilità e logistica; ambiente & territorio. Il numero è completato con rubriche e box informativi e di aggiornamento.
Ringrazio gli autori che hanno consentito, grazie ai loro importanti contributi scientifici ed esperenziali, di mettere a disposizione di tutti i loro saperi; esprimo la mia gratitudine anche ai numerosi colleghi che continuano ad affidarmi i propri scritti e che, purtroppo, per motivi di spazio non riesco ad inserire nella Rivista. Buona lettura e carissimi auguri di “Buona Qualità” a tutti!

IL Direttore: SERGIO BINI




Share.

Comments are closed.